27 GENNAIO - 4 FEBBRAIO 2018  

   

OBIC L'IDEA O VISIONE DEL CIBO
prendendo sul serio l’anima

OBIC   L’idea o visione del cibo prendendo sul serio l’anima

UN PROGETTO DI  ANNA PAOLA LO PRESTI E GIANLUCA MARZIANI

PRESENTA ANNA PAOLA LO PRESTI     LUNEDÌ 30 GENNAIO ORE 17,30

 

OBIC, nasce da un’idea di Anna Paola Lo Presti a cura di Anna lo Presti & Gianluca Marziani, ed è il titolo di un grande libro in cui la storia di ogni opera in catalogo segue la nascita dei cibi antichi, degli ingredienti primari, dei piatti tradizionali e delle innovazioni che sono diventate vicenda collettiva e valore comunitario. OBIC vuole essere una visione del presente, una piattaforma progettuale che non si ferma al volume e si trasforma in esposizione, convegno, format televisivo, workshop.

Raccontare il cibo in maniera anomala, secondo relazioni che non appartengono alle regole del quotidiano; narrare l’arte visiva in maniera altrettanto anomala, attraversando il Novecento in forma imprevista e spiazzante. Un legame “pericoloso” ma intenso che riguarda il gusto dentro gli occhi e lo sguardo dentro il sapore: ora per ragionare sull’arte visiva con attitudini connettive e dissonanti, regalandoci una libertà d’analisi che solo l’opera permette; ora per ragionare sul cibo con la logica degli slittamenti, affinché dal mangiare riemerga un valore antropologico, un richiamo storico e sociale, una storia non solo di sapori ma, soprattutto, di valori.

 

OBIC parla di geografie estetiche che ci avvolgono, di forme che non sono soltanto superfici, di colori che racchiudono esperienze e intuizioni. OBIC parla di ricette consapevoli, nate da uno stimolo artistico che accende la luce su strade inesplorate. Un viaggio parabolico tra artisti che hanno ispirato le tappe culinarie del percorso, come fossero apparizioni stellari dentro una costellazione che reinventa legami, dialoghi silenziosi, citazioni insolite.

 

 

 

In OBIC la fotografia è un passaggio visivo fondamentale. La presentazione del CIBO si sviluppa attraverso la COMPOSIZIONE, lo STILE, la LUCE che sono elementi riconducibili al mondo dell'arte e non della cucina. I piatti  non sono presentati sotto forma di ricette, ma come  sostanza dell'idea .Il punto di partenza del progetto è di presentare il cibo con le forme dell'arte come materia . La sfida dell’autrice è andare oltre, spingere i limiti del cibo, materia preziosa, più in là, la ricetta come opera visiva  che esprime nuovi pensieri per la ricerca artistica  che sensibilizza attraverso la contaminazione dell’ arte. I piatti son stati trattati come opere visive e non piatti preparati per essere consumati”.

 

La maggioranza dei cinquanta artisti  (assieme ad alcuni autori stranieri dai legami speciali con il nostro Paese) possiede anagrafe italiana, come doveva essere per raccontare una “pericolosa” amicizia tra cibo e arte visiva. Punto uno: le nostre venti regioni detengono un patrimonio alimentare d’eccellenza che amplifica le combinazioni tra ingredienti basilari, così da intrecciare la storia della cucina con le vicende culturali di quel contesto. Punto due: gli artisti italiani hanno spesso mescolato gli ingredienti del mangiare nel loro codice figurativo, integrando le proporzioni del vissuto reale nella sintesi simbolica dell’opera. Punto tre: arte visiva e cibo sono i due cardini più elevati delle nostre tradizioni storiche, a conferma di un lusso italico che ha espresso la sua maturità tra bellezza e piacere.

L’arte italiana e il cibo italiano hanno la forza di ristabilire un ordine. Ristabilire le regole, ritrovare equilibri etici perduti, sconfinati in tutto quanto è uso e abuso del cibo. OBIC sarà un momento per leggere il CIBO… un cibo con cui trattare altri piaceri e temi… ristabilire attraverso una nuova visione sul cibo quel momento d’incontro che è la tavola, per ritrovare un’identità. Il cibo italiano è un’esperienza totale, lo stile e la personalità di chi cucina, la storia degli ingredienti, la suggestione del luogo e dello stile sono potenti. L’ARTE è la strada che può aiutare a ritrovare l’equilibrio perduto. L’arte è la riflessione con cui prendere in prestito il silenzioso, il pensiero degli artisti, la loro ricerca e la loro anima. L’arte è il mio centro, è lo spazio mentale nel quale vivo ed è stato lo spunto per immaginare OBIC. E ho voluto vedere se potesse diventare fonte d’ispirazione per la cucina e un nuovo nutrirsi. Lo è stato e lo è nel m

omento in cui si può pensare attraverso la BELLEZZA”. Anna Paola Lo Presti

 

Benvenuti nel luogo speciale in cui arte e cibo occupano il tavolo delle idee in azione. Benvenuti nel pianeta cartaceo in cui l’opera e il piatto coinvolgono i nostri cinque sensi e invitano al pasto nudo della mente. Benvenuti davanti a uno specchio in cui ogni cibo guarda se stesso, in modo diverso da ieri e domani. Un modo che ci fa leggere la parola CIBO al contrario, così da disvelare l’anima nascosta dell’ovvio. Signore e signori, benvenuti nella galassia di OBIC.